Pagamento dilazionato dei creditori privilegiati - Cassazione civile, sez. I, 09.05.2014, n. 10112, Est. Didone
Nel concordato preventivo il pagamento dei crediti privilegiati in tempi più lunghi rispetto ai tempi tecnici della procedura e dalla stessa liquidazione, in caso di concordato liquidatorio, comporta le stesse conseguenze della soddisfazione non integrale dei privilegiati in quanto si verifica la perdita economica per mancanza di disponibiltà finanziaria nei tempi legittimamente spettanti ai creditori di tal guisa. La perdita subita dai creditori privilegiati per dilazione del pagamento rispetto ai tempi richiesti dalla procedura o dalla liquidazione dei beni sui quali grava il privilegio implica un accertamento che il giudice dovrà compiere anche in base alla relazione giurata di cui al comma 2 dell’art. 160 L.F., considerando l’esito ed i tempi della liquidazione in caso di procedura alternativa a quella proposta nel piano. La proposta di concordato preventivo con pagamento ritardato in favore dei privilegiati comporta che questi voteranno come se fossero chirografari per la quota del danno economico derivante dalla dilazione del pagamento.

 

 


Fallimenti Pescara

Fallco

Creato da GAP Informatica Snc - Area58