Il P.M. non può impugnare liquidazioni G.D. del c.p. - Cassazione 22.07.2011 nr. 16136
Il P

Il P.M. non può impugnare liquidazioni G.D. del c.p. - Cassazione 22.07.2011 nr. 16136

L’intervento del Pubblico Ministero nel concordato preventivo è solo facoltativo e non può oltrepassare la soglia di specialità propria della legge fallimentare.

Pertanto, il P.M. non ha possibilità di cassare le liquidazioni del G.D. anche qualora ritenute troppo esose in danno della massa concorsuale (nella fattispecie trattasi di più liquidazioni in favore dello stesso soggetto da parte del medesimo G.D. del Tribunale di Roma) essendo, a seguito della riforma, più penetrante l’ambito privatistico endoconcorsuale in guisa da precludere tale genere di ingerenza. In sostanza, secondo la Suprema Corte, la nozione di interesse ex art. 26 L.F. è riferibile alla massa e non all’interesse pubblico in generale.


 

 


Fallimenti Pescara

Fallco

Creato da GAP Informatica Snc - Area58