Rivendica beni in leasing - Corte Appello Venezia 01.04.2011
Nella sostanza il fallimento costituisce un pignoramento generale dei beni del fallito per cui le rivendiche dei beni inventariati soggiacciono alla stessa disciplina dell'opposizione di terzo all'esecuzione, ai sensi dagli artt. 619 e ss. c.p.c. Pertanto, chi rivendica la proprietà su un bene inventariato e’ tenuto a dimostrare, con atto munito di data certa anteriore al fallimento, di avere, precedentemente al fallimento, acquisito la proprietà del bene. In generale, trova applicazione, inoltre, l'art. 621 c.p.c. che esclude che il terzo opponente possa avvalersi di testimoni per dimostrare il proprio diritto di proprieta’ esseno l’uso di costoro consentito esclusivamente nel caso in cui l'esercizio del diritto stesso sia suffragato dall’attivita’ del terzo. Comunque, per la rivendica di un bene in leasing inventariato nel fallimento si puo’ ricorrere anche alle presunzioni, considerando la deroga al divieto di prova testimoniale prevista dall'articolo 621 c.p.c. L.C.

 

 


Fallimenti Pescara

Fallco

Creato da GAP Informatica Snc - Area58