Conto corrente – contratti bancari – indebito – interessi – nullità clausola anatocistica – pagamenti con funzione ripri
Conto corrente – contratti bancari – indebito – interessi – nullità clausola anatocistica – pagamenti con funzione ripristinat

Conto corrente – contratti bancari – indebito – interessi – nullità clausola anatocistica – pagamenti con funzione ripristinatoria della provvista – prescrizione decennale –

decorrenza chiusura del conto. Nullità clausola di capitalizzazione degli interessi – esclusione di ogni forma di capitalizzazione.

Cass. Civ. Sez. Unite – sentenza 02.12.2010 n. 24418

La sentenza in oggetto ha stabilito i seguenti principi di diritto: “se, dopo la conclusione di un contratto di apertura di credito bancario regolato in conto corrente, il correntista agisce per far dichiarare la nullità della clausola che prevede la corresponsione di interessi anatocistici e per la ripetizione di quanto pagato indebitamente a questo titolo, il termine di prescrizione decennale cui tale azione di ripetizione è soggetta decorre, qualora i versamenti eseguiti dal correntista in pendenza del rapporto abbiano avuto solo funzione ripristinatoria della provvista, dalla data in cui è stato estinto il saldo di chiusura del conto in cui gli interessi non dovuti sono stati registrati”.

“Qualora nell’ambito del conto corrente bancario venga dichiarata la nullità della previsione negoziale di capitalizzazione trimestrale, per contrasto con il divieto di anatocismo stabilito dall’art. 1283 c.c., gli interessi a debito del correntista debbono essere calcolati senza operare capitalizzazione alcuna”.

Segnalata dall’Avv. Giselda Canonico


 

 


Fallimenti Pescara

Fallco

Creato da GAP Informatica Snc - Area58