Manovra correttiva. Nuovi adempimenti per i curatori fallimentari
FALLIMENTI - Pronte le linee guida per le imprese in crisi

Manovra correttiva. Nuovi adempimenti per i curatori fallimentari

Il dl 78/2010 ha impresso un’accelerata significativa ai tempi delle notifiche, puntando su rapidità ed efficienza delle procedure e dei mezzi delle notifiche. L’obiettivo è quello di velocizzare i processi della riscossione, attraverso l’utilizzo della posta elettronica certificata (pec), con la conseguenza che vi sarà una riduzione dei tempi di notifica dei ruoli emessi dall’Agenzia delle Entrate di ben due mesi. L’articolo 38 del dl 78/2010, introduce infatti la revisione delle procedure e delle modalità di notifica degli atti fiscali, per mezzo della razionalizzazione e della semplificazione delle modalità di comunicazione tra amministrazione e contribuenti. La conseguenza è che l’erario ne guadagnerà in entrate, stimate, già per il prossimo anno in circa 35 milioni di euro. Ma l’aspetto piu’ importante è che il processo vedrà coinvolti anche i curatori fallimentari. Il comma 6 dell’articolo 29 del dl 78/2010, prevede che i curatori fallimentari, entro 15 giorni dall’accettazione dell’incarico, sono tenuti a comunicare all’erario tutti i dati necessari per l’eventuale insinuazione al passivo della procedura concorsuale, attraverso apposita Comunicazione Unica.

Arianna Di Salvatore


 

 


Fallimenti Pescara

Fallco

Creato da GAP Informatica Snc - Area58